Cerca
  • SaveTheFace

Primo Pamio


Il protagonista: Primo Pamio


Nato a Scorzè il 30 luglio 1891, mugnaio di professione.

Visse 8 anni di intensi combattimenti; oltre alla grande guerra, infatti, combattè anche la guerra Italo-turca in Libia.

Durante il primo conflitto mondiale, prese parte ai combattimenti in tutte le aree del nostro fronte: cominció inizialmente nella zona carsica; successivamente, nel 1916, venne trasferito nel fronte trentino, per poi tornare, dopo 9 mesi, in zona carsica.

Proprio nei combattimenti del settembre 1917, per il suo ardimento in battaglia, ricevette la medaglia d’argento al Valor militare. Proprio durante questa sua azione, venne ferito gravemente e ciò oltre a portarlo in fin di vita, lo rese “inabile” al servizio militare fino ai fatidici giorni della battaglia del solstizio, quando fu inviato al 268 reggimento fanteria, proprio tra Candelu e Fagarè.

A guerra conclusa riuscì a tornare a casa solamente nel 1919.

Nei suoi anni di guerra, combattè in 4 diversi reggimenti, prima nel 71 “brigata puglie”, successivamente al 118 “brigata Padova”, poi al 213 “brigata Arno ed infine al 268 “Brigata Caserta”.

A fine guerra, per i suoi meriti, arrivó ad avere il massimo grado per sottoufficiali dell’esercito, ossia Aiutante di battaglia.


La crostatina l’ho fatta con una pasta frolla di farina gialla da polenta e castagne.

I 3 ripieni, invece, richiamano i tre luoghi dove ha combattuto:


- Carso = giallo (crema pasticciera di latte vaccino) che richiama i primi gas usati nel fronte italiano


- Trentino = bianco (namelaka, ossia una crema senza farine) che richiama le vette delle montagne, che ho voluto variegare con del radicchio rosso tardivo


- Piave = marrone (crema pasticciera al cioccolato extra fondente, tipo quello che davano ai soldati italiani durante il primo conflitto mondiale ) che richiama il colore della terre del Piave
















0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Malga Caldea

Hemingway #3

 

Modulo di iscrizione

  • Facebook
  • Instagram

©2020 di Savetheface. Creato con Wix.com